Visto 420 volte

Tra poche ore si leveranno i calici, per brindare al Natale. Dopo la maratona a tavola e il panettone, la destinazione più gettonata è il divano di casa o il cinema, per i meno pigri. 

Le sale cinematografiche sono frequentatissime a Natale, complice la gran quantità di film in uscita in questo periodo dell’anno; l’offerta, variegata, riesce a raggiungere qualunque tipologia di pubblico. 

Ce n’è per tutti i gusti: dalle “pellicole” d’autore, alle commedie a tema, ai film d’azione. Le grandi case di produzione programmano l’uscita dei sequel delle saghe più amate, proprio nella settimana natalizia. È il caso di “Frozen” o di “Star Wars: L’ascesa di Skywalker”. Attenzione però: film di richiamo come quelli appena citati fanno drizzare le antenne anche ai criminali informatici, come riporta un articolo di Wired. 

Informatici senza scrupoli utilizzano le piattaforme che offrono film “rubati” alle sale e diffusi in streaming gratis, per catturare l’attenzione di utenti poco esperti. Attraverso queste piattaforme, “spargono” malware, come fossero veleni. Si chiama phishing: i malintenzionati si fingono gestori di siti affidabili, nella comunicazione digitale e, una volta catturata la fiducia dell’internauta, gli “estorcono” dati personali, come le password d’accesso finanziarie o altro. 

I film gratis più cercati in rete diventano il tramite per mettere in atto la truffa. Occorre sapere, a tal proposito, che lo streaming on line pirata, i torrent e altri metodi di distribuzione digitale, violano spesso i diritti d’autore dei contenuti che diffondono. Un danno per il cinema, la musica e per tutto il materiale editoriale che circola in rete, sottratto illegalmente ai circuiti ufficiali. Kaspersky Lab ha individuato oltre 30 siti web e profili social che provavano a praticare phishing sugli appassionati di Star Wars. 

L’utente di quel genere di siti pensa (chi li gestisce è molto abile nel mascherare la truffa) di essere al sicuro, gli vengono chiesti i dati delle carte di credito, facendo passare la richiesta come una verifica sull’età, per l’accesso al film. La pratica che consente l’inganno, che rende così vulnerabili coloro che navigano in internet, ha un nome: Black SEO.

Attraverso questo sistema i siti truffaldini compaiono tra i primi negli elenchi forniti dai motori di ricerca, acquisendo credito agli occhi dei navigatori. Se siete davvero fan di Star Wars e/o appassionati di cinema, è al cinema che dovete andare. I film vanno visti sul grande schermo, nel buio della sala, in una condivisione muta di emozioni e sensazioni, con decine e decine di persone sedute lì con voi: “affascinanti sconosciuti” con i quali condividete la passione per la settima arte.

LWB Project augura a tutti voi un Natale sereno e…lontano dalle truffe.