Visto 82 volte

Sostenere la creatività, l’innovazione e la competitività, nonché l’internazionalizzazione delle startup e delle piccole e medie imprese. Erano gli obiettivi del progetto Incuba – Cross border agrifood incubators, finanziato nell’ambito dell’asse Innovazione e competitività dal Programma Interreg Grecia-Italia 2014-2020. 

Le esperienze maturate nel triennio sono state condivise nell’ambito di un incontro tenutosi lo scorso 7 ottobre, presso il Padiglione dell’Innovazione della Fiera del Levante (a Bari), allo scopo di consolidare il lavoro già realizzato e renderlo utile alle imprese e alle startup che intendono operare anche in ambito internazionale. 

Il progetto Incuba ha aperto un confronto con alcune importanti imprese e startup italiane e greche proprio perché, soprattutto in questa fase, lo scambio di informazioni è fondamentale. Indicazioni e suggerimenti potranno servire anche per l’imminente attività di programmazione sul tema Imprenditorialità giovanile & Innovazione. La Camera di Commercio di Bari e l’Agenzia regionale per la tecnologia e l’innovazione della Puglia (Arti) sono i partner italiani del progetto. 

Intanto nasce InnovUp - Startup & Tech Italian EcoSystem, ovvero un’associazione che sarà un punto di riferimento per chi vorrà sperimentare il proprio potenziale creativo e produttivo nell’ambito delle startup e dell’innovazione. Contando su una solida rete di oltre 3000 realtà rappresentate, InnovaUp aspira ad essere l’interlocutore privilegiato delle istituzioni, rispetto ai temi dei quali si occupa. 

InnovUp può definirsi il prodotto dell’unione tra l’APSTI (Associazione dei Parchi Scientifici e Tecnologici) e Italia Startup (Associazione delle startup). Nel nuovo network sono coinvolti anche numerosi incubatori di impresa; si tratta di oltre 200 soggetti, tra acceleratori e incubatori, corporate, eccetera. 

Sia Incuba che InnovUp, seppure differenti per struttura e caratteristiche, sono esperienze che nascono per favorire lo sviluppo delle idee nell’ambito dell’innovazione. Una popolazione di piccole e medie imprese e startupper che solo di recente ha guadagnato una maggiore “forza” presso le istituzioni. Singoli e gruppi di lavoro già molto strutturati, che si distinguono per capacità progettuale, competenze e lungimiranza. 

La tecnologia deve aiutare a ricostruire il presente, sulla base delle nuove esigenze, e a rendere migliore il futuro, nella consapevolezza che la condivisione delle esperienze e il rispetto dei diritti umani, della salute e della natura debbano essere alla base di qualunque idea. LWB Project favorisce questa filosofia, sostenendo le imprese innovative, aiutandole a crescere e a farsi strada.