Visto 1011 volte

Il successo del meeting internazionale What is the difference?, tenutosi a Taranto nei giorni 24 e 25 novembre 2021, premia gli organizzatori e spinge a guardare avanti. L’evento ha fatto registrare una grande partecipazione di pubblico, in particolare degli studenti di Taranto e della provincia. Il coinvolgimento attivo delle scuole ha riguardato cinque istituti superiori tarantini e due di Ruvo di Puglia.

L’Associazione Stella Marina, il Ciofs/Fp Puglia ed LWBProject, che hanno organizzato il WID sostenuti dal Comune di Taranto, ringraziano i licei Quinto Ennio Ferraris e Calò, l’IISS Pacinotti, l’IPSSEOA Mediterraneo di Pulsano, il liceo Tedone e l’ITET Tannoia di Ruvo, così come gli studenti del Ciofs, per i contributi importanti offerti nell’ambito del meeting. Nutrita anche la partecipazione degli allievi del Corso di Laurea di Economia del Polo universitario jonico.

Centinaia le presenze nelle diverse fasi del WID; in particolare le living library hanno raccolto notevole interesse tra gli studenti, sia i ragazzi delle scuole secondarie, sia gli universitari. Nello specifico 80 sono state le presenze registrate a Ruvo di Puglia il 22 novembre; il 24 a Taranto sono intervenuti circa 300 giovani allievi (scuole superiori e università) e il giorno successivo i protagonisti dei confronti con i relatori nazionali e internazionali del WID sono stati i giovani che frequentano le quarte e le quinte classi degli istituti superiori (liceo Quinto Ennio Ferraris; liceo Artistico Calò; IPSSEOA Mediterraneo – Pulsano e CIOFS/FP-Puglia).

Gli ospiti del WID sono stati piacevolmente sorpresi dal coinvolgimento attivo dei ragazzi, che tra l’altro si sono detti interessati ai programmi formativi del CIOFS, in particolare ai percorsi Erasmus. Grazie alla manifestazione, Taranto ha avuto la possibilità di realizzare, ancora una volta, le sue potenzialità di città accogliente, crocevia di culture diverse, polo di aggregazione e centro di riferimento per tutta l’area del Mediterraneo.

La visita al MArTA (che era parte del programma dell’evento) è stata particolarmente apprezzata da tutti gli ospiti, che hanno fatto una full immersion di due ore nella storia della città, attraverso l’allestimento del Museo Archeologico, vero tesoro di cultura e calamita per il turismo.

Soddisfatte dei risultati del WID anche le associazioni e le aziende partecipanti. Tutti hanno confermato la volontà di proseguire, sulla strada dell’organizzazione di iniziative ispirate ai valori dell’uguaglianza, del dialogo e dell’inclusività.

Gli organizzatori ringraziano tutte le persone intervenute, le istituzioni (il Comune di Taranto e la Regione Puglia, in primis) che hanno supportato attivamente l’evento e gli attori sociali e produttivi del capoluogo jonico. Tra gli altri, il 25 novembre erano presenti i referenti di GReen110 e della Centrale del Latte di Taranto – Puglia, con un loro stand, a conferma dell’altissimo interesse suscitato dall’iniziativa anche tra le aziende profit che l’hanno supportata.