Visto 617 volte

Si tiene a Rimini, tra il 16 e il 18 giugno, il Web Marketing Festival. Se si è fortunati, si può ancora riuscire ad acquistare i biglietti per partecipare alla grande fiera sull’innovazione digitale, attraverso il sito dell’evento (https://www.webmarketingfestival.it/). 

Quest’anno, l’appuntamento festeggia un anniversario importante: compie dieci anni. Per l’occasione, l’edizione 2022, promettono gli organizzatori, presenta tante novità in più. Si prepara a essere una manifestazione storica, con gli eventi in programma (ben cento), gli espositori (duecento) e gli incontri dedicati al mondo degli startupper e degli investitori del World Startup Fest. Tra le presenze più attese, oltre agli speakers provenienti da ogni parte del mondo, i robot SPOT più avanzati.

La cerimonia d’apertura è prevista alle 9.45 di giovedì 16 giugno, con artisti e ospiti a sorpresa. Il Festival è patrocinato dal Ministero della Cultura, dalla Regione Emilia-Romagna e dal Comune di Rimini. We make future è il claim del WMF, i cui ticket sono in offerta fino al 9 giugno. 

Nel 2021 l’evento ha fatto registrare 24.000 presenze. Persone interessate ai talk, agli show, ai discorsi formativi e motivazionali (ricordiamo che quest’anno sono 77 gli stage previsti), al racconto di quelli che sono diventati casi studio. 

Tra le presenze illustri dell’edizione che segna il decennale del WMF, il regista Pupi Avati, Camihawke (digital creator e scrittrice), Mario Calabresi, Nino Cartabellotta della Fondazione Gimbe (essenziale nelle varie fasi della pandemia, in Italia, per l’analisi dei dati), Fabio Celenza (youtuber), Irama, Mimmo Lucano, iCub3, Robot Sophia, SPOT, Roy Paci e Pif. 

Con Robot Sophia e SPOT, iCub3 è un ospite speciale. Sviluppato dall’IIT (Istituto Italiano di Tecnologia), è in grado di replicare, grazie a strumenti sofisticati, non solo i movimenti umani, ma anche le sensazioni. Lo scorso marzo, ha visitato la Biennale di Venezia, guidato a distanza da un tecnico, con un sistema di tele-esistenza, messo a punto dall’IIT. Il perché della ricerca avviata su questo tipo di avatar è ben spiegato in un articolo di Celia Guimaraes (che LWBProject ha avuto il piacere di conoscere e intervistare). Ecco il link all’articolo sulle potenzialità di iCub3 https://www.rainews.it/photogallery/2022/03/il-robot-umanoide-icub-come-avatar-per-esseri-umani-oltre-il-metaverso-46400622-cd39-4c71-b8f9-a4c7d52a79cb.html.  

C’è naturalmente molta curiosità attorno al WMF, come sempre. Il Festival è promotore, sin dalla prima edizione, dell’idea secondo la quale l’innovazione digitale e la navigazione in rete siano gli strumenti attraverso i quali promuovere la realizzazione di sistemi sociali nuovi. Lo loro sostenibilità deve essere l’obiettivo principale, quello in grado di generarne tanti altri. Naturalmente da realizzare. Ogni singola individualità può dare corpo a questa idea. Soprattutto, aggiungiamo, se i progetti dei singoli si incontrano, dando vita a reti di persone. 

In questo momento, è importante investire nella formazione e nelle attività innovative. Sono esattamente i target del lavoro di LWBProject. Formazione, tecnologia, rete, lavoro.