Visto 953 volte

Il fallimento è un argomento delicato e spesso evitato quando si parla di imprenditorialità e startup. Tuttavia, è importante capire che non è necessariamente una cosa negativa e può offrire molte lezioni preziose per i giovani imprenditori.

Aprire una startup è un'impresa difficile e rischiosa

Molte startup non riescono a raggiungere il successo sperato e finiscono per fallire. Tuttavia, ciò non significa che il lavoro e l'esperienza acquisiti durante il processo siano stati sprecati. Tutto ciò può insegnarci e darcu importanti input che sono certamente capaci, se correttamente elaborati, di aiutare i giovani imprenditori a migliorare le loro capacità e a prendere decisioni migliori nel loro futuro lavorativo e professionale. Attraverso il fallimento, è possibile imparare a gestire il denaro in modo più efficace, a identificare e risolvere i problemi più rapidamente e a comunicare meglio con i propri collaboratori e clienti.

In Italia, le statistiche sulle startup che falliscono nei primi 3 anni di attività sono preoccupanti. 

Secondo l'ultimo rapporto dell'Osservatorio Startup Intelligence, nel 2021 il tasso di mortalità delle startup italiane è stato del 18,3%. Ciò significa che quasi una startup su cinque non è stata in grado di sopravvivere ai primi tre anni di attività. Tuttavia, è importante sottolineare che tutto ciò non è sempre una condanna definitiva per un giovane imprenditore. Molti imprenditori di successo hanno sperimentato fallimenti nelle loro prime attività, ma hanno imparato le lezioni necessarie per successi futuri.

Inoltre, il termine "fallimento" non deve essere visto come un tabù o un'esperienza da nascondere. Al contrario, molte startup offrono preziose opportunità di apprendimento per la comunità imprenditoriale più ampia. Condividere le esperienze e le lezioni apprese può aiutare altri giovani imprenditori a evitare gli stessi errori e a raggiungere il successo in modo più efficiente.

Alla fine possiamo serenamente dire che le esperienze negative, per i giovani imprenditori che cercano di avviare una startup, non sono necessariamente un male. Anzi, possono offrire una gamma di insegnamenti oltre che costituire un portfolio di importanti opportunità di apprendimento per coloro che sono disposti a imparare dalle loro esperienze. 

Nonostante le statistiche sui tassi di mortalità delle startup noi di LWBProject, che crediamo nel coraggio di chi affronta la vita a testa alta, siamo fermamente convinti che con un fallimento non si chiude una porta ma si apre un portone… di opportunità e miglioramento, sempre nella consapevolezza che il fallimento deve costituire una fonte di riflessione costruttiva del proprio operato.